Quotes


Laura Vecere
L'arte della scienza ovvero la scienza dell'arte (La Luna)
The Moon

Il volto nascosto del giardino
The hidden face of the garden

Amnon Barzel
La natura vista attraverso la trasparenza dei polimeri
Nature seen through the delicate transparency of the polymers

Giuliano Serafini
Ipotesi spirituale
Intimations of Spirituality

Patrizia Landi
Artisti in Viaggio 1997

Lara Vinca Masini
Artisti in Viaggio 1998

Carlo Sisi
Reliquiari cosmici
Cosmic reliquaries

Lorenzo Bruni
So quello che hai fatto

Artisti in Viaggio 1998

Donatella Mei usa il linguaggio della leggerezza, dell'allusività di un postconcettualismo fatto di gesti minimi, di segni veloci che hanno sapore di natura. Il giardino, il prato, il bosco, sono da sempre, i suoi riferimenti di cuore e di memoria, il tema dei suoi primi quadri, che avevano il colore dell'aria aperta. E' lo stesso tema che resta, sempre più rarefatto, ridotto a segno, a gesto (i fili d'erba di whitmaniana memoria) che mantengono intatto il loro profumo di terra, nella gestualità ripetuta che si estende in lunghe sequenze, su materiali trasparenti (sulle quali spesso si dispone una uguale sequenza fotografica, o in xerocopia), o che si avvolgono in spirali strette, contenute in scatole (quasi trascrizione astratta della "Linea più Lunga del Mondo" di Yves Klein), o che si complicano con interventi di materiali diversi, dalla lievissima garza al pesante piombo, in lavori che, comunque, parlano di leggerezza e di poesia.

Lara Vinca Masini, 1998